Rivista fotografica, Svezia

2018
by Caroline Hainer
Sogni di moda in grande formato

SCENE TEATERALI E STORIE DI MODA FANTASTICHE. LA FOTOGRAFIA DI CATHLEEN NAUNDORF È GRANDIOSA E SPETTACOLARE. ANCHE CON LA SUA FOTOCAMERA È GRANDE

Se c'è una frontiera tra la fotografia di moda, arte e reportage Cathleen Naundorf vive lì. Probabilmente insieme a vari animali esotici e ad alcuni splendidi modelli che sembrano essersi svegliati a Parigi negli anni '30. Un'immagine tipica firmata dal fotografo tedesco-francese mostra una modella con un abito da sera stravagante e un copricapo accattivante di un tipo (un cappello fatto di piume, una palla di pelo bianca, una corona di aragoste vive ...). Il modello si trova quindi su uno sfondo dipinto, proprio come la scenografia del teatro: una foresta incantata, un museo abbandonato, un'isola dimenticata. A volte i bordi del fondo sono chiaramente e ben visibili, non dovremmo lasciarci ingannare nel pensare che questo sia reale. Ma allo stesso tempo, i dettagli nelle immagini sono così chiari e intricati che ci si chiede se il posto non esiste comunque. Molte volte lo fa, sebbene in forma interpretata.

- Ho un blocco con me ovunque io sia. Accolgo ciò che mi circonda, li scrive e disegna. Da lì, le storie si sviluppano da sole e poi le racconto nella mia foto, erättar Cathleen Naundorf.
VIAGGIO E narrazione sono a portata di mano. Naundorf è stato fotoreporter per oltre dieci anni, negli anni '90, prima di passare alla fotografia di moda negli anni '00. Le sue radici sono nell'arte.

- Dalla pittura e dal fotogiornalismo, ho imparato ad osservare le persone e che un'immagine deve sempre raccontare una storia. Come fotoreporter, Naundorf ha visitato luoghi isolati come la Mongolia, Siberia, Il deserto del Gobi e la Groenlandia. Ha vissuto con la tribù indiana Yanomami in Amazzonia, sciamani in Siberia e con lo stesso Dalai Lama in Tibet mentre fotografava le loro vite. Le immagini sono finite in diverse pubblicazioni prestigiose, som National Geographic, ma ha anche portato alla maggior parte dei libri fotografici.

Durante il decennio sulla strada, ha scoperto due cose: una riverenza per i gruppi etnici e le loro culture, e che lei stessa si divertiva come nomade. Perché proprio come il nomade, Naundorf può sentirsi a casa ovunque, solo lei ha le necessità assolute (in macchina i Naundorfs fall). irrequietezza, il suo desiderio di avventura e il desiderio di non essere scoperto può essere visto nelle sue immagini: colloca le sue modelle in luoghi fantasiosi e in mondi segreti. Il suo rispetto per il fatto a mano, dettagliate e culturalmente significative provengono dal tempo insieme a diverse popolazioni indigene. Questo a sua volta l'ha portata alla fotografia di moda negli anni '00, soprattutto l'alta moda, che si concentra esattamente sugli stessi valori.

- Quando si lavora all'aperto, è necessario osservare la situazione e premere il pulsante dell'otturatore esattamente nel momento giusto. Ibland får man vänta i flera dagar eller veckor för att få till det. Durante un servizio fotografico, posso controllare la luce da solo, l'ambiente, situazione. Ma devo ancora trovare il momento esatto giusto.

È stato in particolare il progetto "Un rêve de mode" ("Un sogno di moda") che ha portato la fotografia di moda di Naundorf a un nuovo livello. Con un focus su sei case di moda: Chanel, Dior, Gaultier, Valentino, Elie Saab e Lacroix, Haute Couture di Naundorf fotografato dal loro archivio. Ovviamente ha scelto il modello, ambiente e aspetto stesso e il risultato è un'arte senza tempo in cui i capi fanno parte dell'arte stessa. Lo stesso Naundorf non lo vede come una divisione tra fotografia di moda e fotografia d'arte, entrambi sono uguali. Tuttavia, c'è una differenza tra fotografare uomini e donne.

- Gli uomini sono facili da fotografare, sono rilassati e felici con se stessi. Le donne vogliono apparire belle e io le aiuto a sembrare ancora più belle con la luce giusta, posa e ambiente. Di solito uso gli stessi modelli, è più intimo e impari a comunicare e fidarti l'uno dell'altro. Se quella band non esiste, non mi interessa la fotografia, si tratta sia di dare che di prendere.

PREPARA le sue foto con molta attenzione, con schizzi e tecniche. Se dovessi fare un paragone con il film, Naundorf è il regista, scenografo, sceneggiatore e fotografo in uno. Le foto, ambienti, gli umori le sono spuntati dalla testa.

- Dipingo e preparo come dovrebbe essere la luce, sfondo, l'ambiente, trucco di modello, si tutto! Uso una fotocamera di grande formato, e film o polaroid. È bello, vecchio metodo onesto, è vera fotografia.

Ma per far emergere la realtà da sogno che la caratterizza, è necessaria una tecnica di imaging unica e che richiede tempo.. La preparazione non richiede solo molto tempo, spara in grande formato e sempre con film o polaroid, alcune delle sue fotocamere e film non sono più disponibili per l'acquisto (ha una grande riserva nei suoi studi a Parigi e Londra).

- Ingrandisco le mie foto, a volte fino a 1,80 metri e io uso solo una carta speciale dal Giappone. Dipingo sulla foto con un pennello, a mano, fino a quando l'immagine è perfetta. Ci vuole molto tempo ma il risultato è favoloso. È come un abito di alta moda: tutto è fatto a mano e perfettamente nei minimi dettagli. È unico.

Cathleen Naundorf
Cathleen Naundorf è nata in Germania dove ha studiato fotografia, arte e grafica. Negli anni '90 era fotoreporter e viaggiò in luoghi lontani e isolati come la Mongolia, Siberia e Groenlandia. Ha studiato le popolazioni indigene in particolare.
1989 ha incontrato il fotografo Horst P. Horst che divenne il suo mentore. L'ha portata sulla strada della fotografia di moda, che è ancora il suo obiettivo principale anche se lo stesso Naundorf non vede alcuna divisione tra fotografia di moda e fotografia d'arte.
Il suo lavoro è rappresentato al Metropolitan Museum of Art di New York, Il Rodin Museum di Parigi e il Victoria and Albert Museum di Londra.

CAROLINE HAINER È UN GIORNALISTA E AUTORE AUTORIZZATO. Ha una similitudine con i modelli di CATHLEEN CATHLEEN NAUDORF: VESTITI DI CAROLINA OTTIMAMENTE IN CAPPELLO, SPECIELLT PANAMA.