Rivista BMI, UK / SPAGNA

2015
by Irene Due
Alta fotografia<

Cathleen Naundorf, Visionario di alta moda | Cathleen Naundorf, Visionario dell'alta moda

Senza tempo e onirico, le sue immagini ipnotizzanti respirano una certa aria di mistica. La carriera di Cathleen Naundorf è stata un viaggio straordinario, iniziando con reportage fotografici in tutto il mondo e poi passando alla fotografia di moda, lavorando lungo la strada con fotografi iconici come il suo mentore Horst P Horst. Abbiamo incontrato Cathleen durante una delle sue esibizioni super glamour nel cuore del quartiere Mayfair di Londra. Incuriosito dalle sue splendide fotografie, volevamo scoprire cosa c'è dietro il suo progetto più recente, L'Arche de Noé.

Senza tempo e sognante, le sue immagini ci affascinano e sprigionano una certa aria di mistica. La carriera di Cathleen Naundorf è stata un viaggio straordinario. Ha iniziato con rapporti fotografici dei suoi tour in tutto il mondo, in seguito ha lavorato come fotografa di moda e al fianco di fotografi iconici come sua guida, Horst P Horst. Abbiamo incontrato Cathleen durante uno dei suoi spettacoli glamour nel cuore del quartiere Mayfair di Londra. Incuriosito dalle sue splendide fotografie, volevamo scoprire cosa c'è dietro il suo ultimo progetto L’Arche de Noé.

Cosa ha ispirato l'Arca di Noè?
Qualche anno fa ho iniziato a fotografare piccioni bianchi, gli ombrelli, gambe di plastica e braccia di alcuni manichini dimenticati. Guardando indietro ora è chiaro che questo è stato il risultato diretto della mia visita al Museo Magritte di Bruxelles. Direi che il mio periodo surrealista è iniziato a quel punto. Nel corso degli anni ho fotografato sempre più animali, così, come Noè, arrivò un punto in cui avevo una vasta collezione di animali. Inevitabilmente, è arrivato il momento in cui ho iniziato a pensare a un argomento più grande e quello è quando finalmente è nata l'Arca di Noè – salvare gli animali e lasciare la Terra per un mondo migliore.

C'è una narrazione nelle tue fotografie che cattura l'immaginazione, e sei inevitabilmente attratto dai dettagli. Dove trovi l'ispirazione? Viene dall'interno, devi avere il dono e nascere con esso. Sin da quando ero bambino ho sempre visto delle foto nella mia testa e realizzato i miei film fantasy. Le mie fotografie sono un riflesso della mia immaginazione ed è da lì che provengono le narrazioni.

Cosa si ispira a L’Arche de Noé?
Alcuni anni fa, Ho iniziato a fotografare colombe bianche, ombrello, braccia e gambe di manichini abbandonati. Se guardiamo indietro è chiaro che è stato il risultato diretto della mia visita al museo Magritte di Bruxelles. Potrei dire che il mio periodo surreale è iniziato in quel momento. Nel corso degli anni ho fotografato sempre più animali e, proprio come Noè, arrivò un punto in cui aveva una vasta collezione di animali. Inevitabilmente più tardi ho iniziato a pensare a un argomento più ampio e così nacque l'Arca di Noè: salvare gli animali e lasciare la Terra per un mondo migliore.

C'è qualcosa nelle tue foto che cattura la tua immaginazione e ti trascina inevitabilmente nei dettagli. Dove trovi la tua ispirazione?
Viene dall'interno, devi avere quel dono e nascere con esso. Da quando era bambina, Visualizzavo continuamente immagini nella mia testa e montavo i miei fantastici film. Mis fotografías son un reflejo de mi imaginación y de ahí vienen mis historias.